Home  | deutsch | english

Chiusura Merano Arte

In applicazione dell'ultima ordinanza provinciale sulla prevenzione e gestione dell’emergenza COVID (n. 50 del 30.10), Kunst Meran Merano Arte resterà chiuso al pubblico.

Gli appuntamenti previsti e le attività didattiche saranno comunque proposti, quando possibile, online: seguite il nostro calendario e la nostra newsletter!

 

 

News

Cultura in movimento: Merano 1965-1990

Se si guarda alla sua storia, Merano tra il 1965 e il 1990 è stata un centro culturale situato in mezzo all’Europa di fondamentale importanza. Questa affermazione, tutt’altro che presuntuosa, è suffragata dai numerosissimi aspetti emersi da anni di ricerca su 25 anni di vita politica, culturale e sociale nella piccola città bilingue sul Passirio.

Nella pubblicazione, che comprendere 36 contributi e oltre 700 immagini, in buona parte di lavori ancora inediti, i contributi di diversi autori – e in particolar modo del professor Markus Neuwirth – mettono in luce come qua convergano i fili di diversi avvenimenti culturali internazionali.

L’omonima mostra che aprirà del 26 febbraio offrirà una panoramica dell’arte di quegli anni, rappresentata da 100 opere particolarmente significative. Mentre il volume ha un ampio approccio storico-culturale, la mostra si concentrerà sulla produzione artistica permettendo alle diverse opere di entrare in un nuovo dialogo, talvolta anche inaspettato.

A cura di: Markus Neuwirth, Ursula Schnitzer
ISBN 978-88-945411-0-6 (versione italiana)
ISBN 978-88-945411-1-3 (versione tedesca)

Read more

 

Judith Waldmann è la nuova curatrice responsabile delle mostre d'arte contemporanea di Kunst Meran Merano Arte

Il Consiglio di Amministrazione e la Direzione di Kunst Meran Merano Arte hanno nominato Judith Waldmann nuova curatrice responsabile delle mostre d'arte contemporanea della Kunsthaus. Nata a Tubinga, specializzata in arte contemporanea, Judith Waldmann ha iniziato il proprio incarico lo scorso 1° dicembre, prendendo il posto ricoperto in precedenza da Christiane Rekade.

Judith Waldmann continuerà a lavorare come assistente alla direzione della Adrian Piper Research Archive Foundation Berlin. In qualità di Head of Exhibition di Monitoring - Exhibition for Time-Based Media Art (Kasseler Kunstverein e Kulturbahnhof Kassel), e come curatrice indipendente presso la Kasseler Kunstverein e le OGR Torino, ha curato mostre personali e collettive di artisti come Halil Altindere, Johan Grimonprez, Annika Kahrs, Ari Benjamin Meyers e Pinar Yoldas.

La commissione esaminatrice, composta dal Consiglio di Amministrazione e dalla Direzione di Kunst Meran Merano Arte, è rimasta favorevolmente colpita dal curriculum di Judith Waldmann e in particolare dalla rete di contatti internazionali in cui è inserita e dalla sua attenzione verso ricerche artistiche interdisciplinari e sperimentali. Molto apprezzato è stato il fatto che si sia confrontata, tanto in ambito curatoriale quanto in ambito accademico, con questioni di rilevanza sociale e politica. I progetti che ha sottoposto alla commissione denotano anche una sensibilità rivolta alla storia espositiva di Kunst Meran Merano Arte e alla specificità della sede della Kunsthaus. La sua impostazione curatoriale che coniuga arte contemporanea, arte moderna del contesto locale e architettura si pone in linea con la programmazione portata avanti da molto tempo da Kunst Meran Merano Arte.

 

Read more

 

Judith Waldmann. Foto: Rok Tržan

Sab. 5 dicembre

At the point of subversion (constituting the new normal)

un progetto di Barbara Gamper e Fouzia Wamaitha Kinyanjui

in occasione della 16. Giornata del Contemporaneo AMACI

 

In occasione della 16 giornata del contemporaneo promossa da AMACI - Associazione dei Musei di Arte Contemporanea Italiani, che in questa occasione ha invitato i musei associati a riflettere sul significato del concetto di “community”, KUNST MERAN MERANO ARTE propone il progetto dell’artista Barbara Gamper in collaborazione con l’attivista femminista Nera Fouzia Wamaitha Kinyanjui At the point of subversion (constituting the new normal).

Read more

 

 

Ausstellungen

Image: Studio Other Spaces, Lyst Restaurant, 2019 Vejle, Denmark. Photo: Søren Gammelmark Commissioned by: Morten Kirk Johansen © 2019 Studio Other Spaces

Artisti: Olafur Eliasson, Sebastian Behmann
A cura di: Christiane Rekade
Partner di progetto: Barth Innenausbau, Talking Water Society in cooperation with Pichler, Frener & Reifer

Merano Arte ospita la prima mostra in uno spazio istituzionale dello Studio Other Spaces (SOS). SOS è stato fondato nel 2014 a Berlino dall’artista danese Olafur Eliasson e dall’architetto tedesco Sebastian Behmann con l’intento di coniugare arte e architetture a partire da un approccio sperimentale e interdisciplinare.

Le ricerche approfondite e l’uso consapevole degli spazi e delle risorse che caratterizzano lo studio saranno illustrati attraverso una serie di progetti, modelli prototipi ed oggetti. In particolare per Merano Arte SOS ha appositamente formulato una forma di presentazione nuova, sostenibile e attuale, che ripensa le modalità espositive tradizionalmente dedicate all’architettura.

Read more

Watch the video

 

 

Image: Lisa Ponti, Senza titolo. Collezione privata. Courtesy Archivio Lisa Ponti

Artista: Lisa Ponti
A cura di: Christiane Rekade, Salvatore Licitra (Archivio Lisa Ponti und Gio Ponti Archives), Massimo Martignoni

La mostra propone, per la prima volta, una riesamina esaustiva dell’eredità artistica di Lisa Ponti (1922-2019), artista, scrittrice e per molti anni redattrice della rivista e “Domus”. Sarà un’occasione per riscoprire la sua produzione grafica, meno nota rispetto all’attività critica spesso realizzata in collaborazione con il padre, il celebre architetto e designer Gio Ponti.

Le sue opere su carta, sempre realizzate su fogli A4, sono caratterizzate da chiarezza e immediatezza, nonché da una meravigliosa dimensione poetica, da un umorismo raffinato e da una sobria eleganza. L’artista aveva affermato: “È un bene usare un foglio sempre uguale, cosi il disegno sa dove atterrare”.

Read more

Watch the video

 

Uno spazio per l'arte contemporanea nel centro storico di Merano.

Aperto tutto l'anno, Merano Arte presenta nei suoi 500 m² di superficie espositiva, distribuita su tre piani, le ricerche contemporanee più attuali in ambito di arte figurativa, architettura, letteratura, musica, fotografia e nuovi media. La struttura è gestita dall'associazione culturale Merano Arte che ne organizza la programmazione in collaborazione con istituzioni pubbliche e partner privati.

 

Sostenere Merano Arte

Il 5 per mille non è una spesa, ma una diversa destinazione di una parte delle tasse che si pagano. Quando compilerà la denuncia dei redditi, nello spazio sotto la firma indichi il nostro codice Kunst Meran – Merano Arte 01596020212.
In questo modo trasformerà la sua dichiarazione dei redditi in un atto di sostegno all'arte e alla cultura.

Member of AMACI

Merano Arte è membro di "AMACI" (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani)

www.amaci.org