Home  | deutsch | english
Aero Caproni, Capriolo 75, Corsa [1954].

Design from the Alps. Tirolo Alto Adige Trentino 1920–2020

11 ottobre 2019 - 12 gennaio 2020
Curatori: Claudio Larcher, Massimo Martignoni, Ursula Schnitzer

La prima rassegna completa sulla produzione e sulla cultura del design moderno in una dinamica regione europea transfrontaliera.

read more

 

 

 

FOCUS

Alla scoperta della mostra Design from the Alps

 

Giocattoli

Tra gli oltre cento oggetti esposti, Design from the Alps propone anche uno straordinario campionario di esperimenti sul tema del giocattolo, motore di molte ricerche formali ed estetiche nel corso del XX secolo.

Ad esempio Elefantino Bevitore di Fortunato Depero (Fondo 1892 – Rovereto 1960), figura cardine del secondo Futurismo, rientra in una serie di giocattoli ideati dall’artista per allenare il bambino alla creatività e utilizzabili anche dall’adulto, programmati per mantenerlo “giovane, agile, festante, disinvolto, pronto a tutto”.

L’elefantino snodabile rosso è realizzato negli anni ’30 – ’40 da Sevi, una delle più antiche realtà industriali italiane legate alla produzione di giocattoli, fondata a Selva di Val Gardena nel 1831.

L’elefante di pezza rientra invece nella produzione proposta dall’azienda Broschek, fondatata a Fieberbrunn/Tirol nel 1945, che nel periodo bellico e nel dopoguerra realizza giocattoli a partire da materiali di recupero come tessuti per materassi, resti di stoffa da paracadute o pigiami, ma anche bottoni di uniformi e coperte della Wehrmacht.

 

 

Fortunato Depero, Elefantino bevitore, 1922-23. Collezione Josef Kreuzer / Ripartizione musei, Provincia autonoma di Bolzano, foto Erich Dapunt
Sevi, elefantino snodabile rosso, 1930-1940. Foto: Anna Maconi Museum Gherdëina Urtijëi, St. Ulrich / Ortisei.
Broschek, Elefant, 1945. Spielzeug Museum Salzburg, © Salzburg Museum

Uno spazio per l'arte contemporanea nel centro storico di Merano.

Aperto tutto l'anno, Merano Arte presenta nei suoi 500 m² di superficie espositiva, distribuita su tre piani, le ricerche contemporanee più attuali in ambito di arte figurativa, architettura, letteratura, musica, fotografia e nuovi media. La struttura è gestita dall'associazione culturale Merano Arte che ne organizza la programmazione in collaborazione con istituzioni pubbliche e partner privati.

 

Sostenere Merano Arte

Il 5 per mille non è una spesa, ma una diversa destinazione di una parte delle tasse che si pagano. Quando compilerà la denuncia dei redditi, nello spazio sotto la firma indichi il nostro codice Kunst Meran – Merano Arte 01596020212.
In questo modo trasformerà la sua dichiarazione dei redditi in un atto di sostegno all'arte e alla cultura.

Member of AMACI

Merano Arte è membro di "AMACI" (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani)

www.amaci.org