Home  | deutsch | english

Man Ray. Magie

Inaugurazione: 07 luglio 2005
Durata: 08 luglio 2005 - 18 settembre 2006
Artista/i: Man Ray
a cura di: Valerio Dehò

Ancora un prestigioso ospite per la mostra estiva di fotografia in programma alla Merano arte e dopo il grande successo di “Il mondo di Robert Mapplethorpe” nel 2004. Quest’anno è Man Ray (Filadelfia 1890 – Parigi 1976) l’artista scelto per rappresentare il mondo della fotografia.

Non solo Man Ray è considerato uno dei personaggi più produttivi e ingegnosi tra il dadaismo e il surrealismo, ma anche uno dei maggiori artisti del XX secolo.

A lui si deve il merito di avere innalzato la fotografia al rango di arte, parificandola alla pittura e alla scultura. Alla continua ricerca di un’arte che fosse soprattutto gioco, stupore e ironia Man Ray ha sposato tutte le tecniche e tutte le poetiche, restando fedele solo a se stesso.

Un eccellente catalogo trilingue (italiano/tedesco/inglese) pubblicato da Damiani Editore, Bologna (www.damianieditore.it) accompagnerà la mostra, costituendo una ampia e importante monografia dedicata al lavoro di Man Ray tra il 1920 e il 1950. Molte delle sue immagini sono diventate icone del XX secolo. Le sue fotografie hanno documentato non solo le mostre e le opere degli artisti d’avanguardia ma sono riuscite a catturare l’atmosfera di Parigi e New York tra gli anni Venti e Quaranta, attraverso l’invenzione di tecniche come la solarizzazione (con la compagna e fotografa Lee Miller), il Rayogramma (foto off camera) e i clichè verre, ampliando le possibilità espressive della fotografia e dimostrando come la fotografia poteva comunicare in modo specifico e completamente diverso dalle altre arti.

La mostra, a cura di Valerio Dehò in collaborazione con Fondazione Marconi di Milano, inaugura venerdì 8 luglio sera e proseguirà fino al 18 settembre 2005, presentando 85 fotografie, 5 oggetti e la sua produzione cinematografica. Le scelte colgono alcuni “momenti” dell’attività del fotografo nell’ambiente culturale parigino tra le due guerre mondiali, una serie di autoritratti, nudi, immagini per la famosa rivista di moda Harper’s Bazar e una decina di foto inedite.

 

52a fotocolor Lee Miller, 1930 circa Edizione 1978 di Pierre Gassmann courtesy Gio’ Marconi, Milano

Installazione