Home  | deutsch | english

Alpi Architettura Turismo

Inaugurazione: 29 maggio 2014, 19:00
Durata: 30 maggio - 07 settembre 2014
a cura di: Susanne Waiz

Architettura alpina, architettura per il turismo o turismo architettonico nelle Alpi: un titolo dalle molteplici sfaccettature. Al centro della questione resta ad ogni modo l'architettura e il suo rapporto con l'ambiente in cui s'inscrive.

La mostra presenta le architetture del settore turistico, dalla semplice pensione all’albergo più illustre, passando dagli impianti di risalita fino alle sculture d’architettura di Passo Rombo. La selezione dei progetti esposti è stata compiuta da un architetto, mantiene perciò tutta la particolarità scientifica riconducibile al punto di vista di Susanne Waiz in qualità di esperta in materia. In primo piano è la validità dimostrativa degli esempi considerati, la relazione delle singole architetture con il paesaggio e le costruzioni circostanti. Meno interesse è posto su questioni che riguardano gli standard qualitativi del settore alberghiero.
Tra gli esempi selezionati, strutture di alberghi e ristoranti di nuova costruzione, ma anche realtà site in edifici storici. Da questo punto di vista un ruolo importante è assegnato alle modalità anche minime di adeguamento in funzione alle nuove esigenze del turismo moderno. Viene d'altra parte volutamente evitato qualsiasi riferimento alle rovine dell'architettura alberghiera, un esempio tra tutti l'Hotel Paradiso di Giò Ponti.
L'architettura cosiddetta di alta qualità può davvero concretizzarsi e durare nel tempo esclusivamente se posta in essere attraverso una certa comunione d'intenti tra architetti e committenti. Proprio dei commitenti -albergatori, ristoratori o operatori turistici-, si cerca di approfondire consapevolezza e visione attraverso numerose interviste.
La mostra si rivolge a un pubblico ben più ampio che a quello di progettisti ed architetti, vuole fungere da spunto di riflessione e sensibilizzazione per gli albergatori ma anche per tutti coloro che hanno a che fare con la cultura dell'ospitalità.  Dal momento in cui le architetture per il turismo rispecchiano tendenzialmente le loro aspettative, la mostra reclama profondamente l'attenzione anche dei loro protagonisti: i turisti.


Architettura e Turismo in Alto Adige
Gli architetti incontrano gli albergatori
 
La mostra Alpi, Architettura, Turismo invita gli albergatori e gli operatori del settore turistico a confrontarsi con gli architetti attivi sul territorio.
36 noti architetti altoatesini innesteranno un dialogo tra il settore dell'architettura e quello del turismo. Ogni martedì, mercoledì e giovedì dal 03.06 al 31.07 e dal 26.08 al 04.09 sono previsti vari appuntamenti, in occasione dei quali due architetti saranno a disposizione degli albergatori e degli operatori del settore turistico per un dialogo personalizzato (orari da concordare).
Un'iniziativa a cura di HGV, SMG, MGM e Merano Arte. La partecipazione è gratuita, è richiesta la prenotazione (architektur(at)kunstmeranoarte.org; tel. 0473 212643).
 

La mostra si svolge in collaborazione con:

HGV Hoteliers- und Gastwirteverband Südtirol
Fondazione Architettura Alto Adige
Ripartizione Artigianato, Industria, Commercio e Turismo della Provincia Autonoma di Bolzano
Ripartizione Edlizia e Sevizio tecnico della Provincia Autonoma di Bolzano
Accademia Europea di Bolzano (EURAC research), Istituto per lo Sviluppo Regionale e il Management del Territorio
SMG - Alto Adige Marketing
MGM - Merano Marketing
Azienda di soggiorno di Merano
Touriseum
Floricoltori dell'Alto Adige
Gufler - legno ad alta precisione

 

Seehotel Ambach, Kaltern, 1972-73, Architekt Othmar Barth, Brixen. Besitzer: Klaus Maran, Foto: Rene Riller
Parkhaus Umlaufbahn Seis-Seiseralm, Seis am Schlern, 2013, Architekt Lukas Burgauner, Bozen. Bauherr: Silbernagl Anton & Co. KG, Silbernagl GmbH, Umlaufbahn Seis- Seiseralm AG, Foto: Alex Filz
Saleghes Mountain Residenz, 2010-13, Archilab Architekten - Hannes Ladstätter, Stefan Taschler und Sarah Gasparotto, Bruneck Besitzer: Ursula Sotriffer und Oskar Delazer, Foto: Marion Lafogler

Installazione