kunst Meran|o arte
Frida Parmeggiani e Robert Wilson. Foto: Andy Marini

Sonora Ensemble Conductus

La serie di concerti realizzati in collborazione tra Conductus e Merano Arte

Merano Arte ringrazia il suo main sponsor

Partner e sponsor

Senza il loro contributo non riusciremmo a proporre tutte queste iniziative! Ringraziamo i nostri undefinedpartner e sponsor per il prezioso sostegno.

Sostieni Merano Arte

Il 5 per mille non è una spesa, ma una diversa destinazione di una parte delle tasse che si pagano. Quando compilerà la denuncia dei redditi, nello spazio sotto la firma indichi il nostro codice Kunst Meran – Merano Arte 01596020212.
In questo modo trasformerĂ  la sua dichiarazione dei redditi in un atto di sostegno all'arte e alla cultura.

AMACI

member of AMACI

Dal 2006 Merano Arte è membro di AMACI, Associazione Musei d'Arte Contemporanea Italiani.

M=UCK

Figure Umane 2016

Una galleria d’arte a cielo aperto
undefinedcontinua...

Fondazione Architettura Alto Adige

MERANO ARTE è su Facebook!

AMICI di MERANO ARTE

Volete diventare Amici di Merano Arte?
Per ulteriori informazioni cliccate
undefinedqui

Kunsthalle Eurocenter

Merano Arte è partner di undefinedKunsthalle Eurocenter

News: EXHIBITION PAINTINGS

Paolo Chiasera, the art of conversation, 2012, courtesy PSM, Berlin, photo credit: Attilio Maranzano

Inaugurazione: venerdì 03 febbraio 2017, ore 19.00
Durata della mostra: 04 febbraio - 17 aprile 2017
Curatrice: Christiane Rekade

Artisti: Charles Avery, Paolo Chiasera, Dorothy Miller, Martin Pohl, Lea von Wintzingerode, Amelie von Wulffen

Negli ultimi anni, un numero sempre maggiore di artisti è tornato a utilizzare la pittura come mezzo espressivo, sviluppando una serie di approcci alternativi ad essa e, riconoscendo nel medium uno strumento di possibile emancipazione dalle nuove condizioni di lavoro. Condizioni spesso imposte da un sistema dell’arte assoggettato alle regole di un mercato sempre piĂą aggressivo. Queste opere rappresentano un valido strumento speculativo volto a tracciare un ritratto della situazione attuale e immaginarne una alternativa.

L'esposizione collettiva raccoglie 6 artisti internazionali che riconoscono il potenziale del mezzo pittorico, quale strumento per ripensare il format della mostra e mettere in luce i meccanismi che si celano dietro la relazione tra curatore, pubblico e artista.

Mentre Charles Avery, Paolo Chiasera e Martin Pohl, ricorrono allo strumento pittorico per immaginare delle mostre che trovano espressione sulla superficie del quadro; Dorothy Miller, Lea von Wintzingerode e  Amelie von Wulffen affrontano il tema in modo meno letterale, raccontando, mettendo in mostra le diverse sfaccettature del delicato e complesso rapporto tra l’artista ed il suo pubblico. undefinedcontinua...